Giorno della memoria

...

27/01/2020

Liliana Segre è Cittadina Onoraria di Marciano della Chiana

Settantacinque anni fa, in questo giorno del 1945 le truppe dell'Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz dove i nazisti uccisero più di un milione di persone.
L'apertura dei cancelli di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti mostrarono al mondo intero l’orrore del genocidio nazifascista.

Nella seduta del Consiglio Comunale del 13 dicembre 2019, abbiamo deciso di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, superstite dell’Olocausto, per l’alto valore civile, sociale e culturale della sua testimonianza e del suo impegno. La Senatrice Segre rappresenta una delle figure più nobili della nostra Nazione, segnata dal portare in sé la memoria della tragedia della Shoah e il senso della vita come sopravvivenza dell’umano. 
La cittadinanza onararia vuole essere un atto formale e simbolico molto importante per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica. Studiare la storia è importante perché la storia preserva la memoria. Ricordare per non dimenticare, combattendo ogni forma di razzismo, nel rispetto per l’essere umano.

Diceva Primo Levi:

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre.

Ringraziamo Liliana Segre per aver accolto con piacere la cittadinanza onoraria.

L’indifferenza racchiude la chiave per comprendere la ragione del male, perché quando credi che una cosa non ti tocchi, non ti riguardi, allora non c’è limite all’orrore. L’indifferente è complice. Complice dei misfatti peggiori. Liliana Segre.

 

Gallery

83398943_512291892728739_4090532303023898624_n